Frankenweenie 3D: storia rifacimento, trailer, trama!



 

Tim Burton che cita sé stesso. Tim Burton torna sui suoi passi e riprende una storia universale, profondamente romantica e profondamente dark, com’era la sua prima ed originale produzione. Sto parlando, ovviamente, del cortometraggio Frankenweenie, datato 1984. Fece storcere il naso alla Disney per le resurrezioni, gli spunti mortiferi ed horror, ma oggi rivive in stop-motion e 3d, resuscitato dalle ceneri dell’immaginazione del visionario regista.

 

Alla fine, chi davvero ha mai amato in vita sua un animale, sa quanto sia terribile doverlo perdere e rassegnarsi alla sua dipartita. Per un bambino, poi, questo distacco può essere traumatico. Ecco perché Victor diventa un little Frankenstein per tentare di riportare in vita il suo cagnolino Sparky, morto in un incidente d’auto, subitamente! Egli farà di tutto per donargli una nuova vita. Una storia commovente, che tuttavia, non prescinde dall’amore. No, perché nella curiosa cittadina degli orrori molti altri bambini tenteranno “resurrezioni scientifiche” ma senza successo! Perché? Perché gli ingredienti magici sono amore ed ostinazione. La voglia profonda di dare nuova vita a colui che disperatamente amavamo. Il resto sarebbe sadismo e barbara fantascienza. Con l’aggiunta dell’amore, anche la più dark delle storie diventa una favola, a lieto fine. Sì, perché forse Sparky non sarà esattamente quello di prima ma non somiglierà minimamente al mostro a cui diede vita Frankenstein!

 

Al cinema, torna il visionario dark di Tim Burton, unica frontiera tra la favola e l’incubo, tra il possibile e l’impossibile, perché anche per sognare serve un po’ di coraggio, no?

 

 

Frankenweenie0626122-thumb-550x275-94609