I tablet per bambini: se i bambini preferiscono il touch

I nativi digitali soni i bambini nati in piena era digitale e dunque completamente a loro agio con le nuove tecnologie. Tra tutte le innovazioni, quella che sembra essere la più gradita ai piccoli di casa è lo schermo touch, che i bambini trovano molto più semplice del classico desktop o dei pulsanti di navigazione nel menù. Uno dei vantaggi principali del touch è il carattere fortemente intuitivo, che porta anche le persone anziane, ad esempio, ad imparare in fretta a utilizzarlo. È anche questo il motivo per cui moltissimi oggetti d’uso quotidiano stanno implementando un’interfaccia touch: si parte dai telefoni fissi (come ad esempio i telefoni VoIP o Voice over IP) ma si arriva anche ad elettrodomestici, centraline di controllo delle automobili, macchinari per l’acquisto dei biglietti e così via.
Uno dei dispositivi che i bambini amano di più è il tablet, che ha una grafica accattivante e una grande offerta di giochi e app pensate appositamente per il pubblico più giovane.
Diverse case di produzione di smartphone e tablet hanno perciò pensato di creare dei tablet dedicati proprio ai più piccoli. Questi tablet junior funzionano come i tablet per gli adulti ma hanno sistemi operativi un po’ meno performanti (del tutto sufficienti per il tipo di utilizzo che verrà fatto dei dispositivi), hanno filtri di sicurezza elevati per la navigazione sicura in internet e offrono giochi e app divertenti e educative pensate per gli utenti junior.
Se questo è il panorama dal lato dei dispositivi, anche i contenuti si adeguano, e non solo dal punto di vista delle app. Il famoso canale Disney Channel, ad esempio, è approdato su tablet insieme a tutti gli altri canali Sky grazie all’opzione Sky Go, con cui il noto marchio televisivo ha messo a disposizione dei suoi abbonati i propri contenuti, fruibili questa volta sui dispositivi mobili.
D’ora in poi per i bambini sarà ancora più semplice guardare i cartoni animati sul tablet di mamma e papà!

IPad1stGen

admin
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica